termine: 

segni d'interpunzione

. punto

o punto fermo; si mette:

  1. alla fine di un periodo concluso
  2. alla fine di una parola abbreviata
  3. per contrazione, es. f.lli, gent.ma

, virgola

indica una breve pausa e si usa in particolare:

  1. nelle elencazioni
  2. prima di una apposizione
  3. prima di un vocativo assoluto
  4. negli incisi (in questo caso si possono usare anche le parentesi o le lineette)

; punto e virgola

si usa:

  1. per segnalare in un periodo una pausa più forte della virgola
  2. nel caso di elencazioni complesse
  3. per separare due proposizione complesse
  4. in luogo della virgola, se questa può ingenerare equivoco

: due punti

hanno tre funzioni principali:

  1. per dividere un periodo la cui seconda parte a carattere conclusivo
  2. per introdurre un discorso diretto
  3. per aprire un'elencazione

! punto esclamativo

conferisce alla frase un tono di sorpresa o comando; si può raddoppiare o triplicare come rafforzativo.

? punto interrogativo

si pone in una frase come doamnda; id. come sopra.

?! o !? punto misto

segnala una intonazione incerta o dubbiosa.

... puntini di sospensione

  1. se posposti alla parola indicano un'interruzione o reticenza del discorso, in tal caso vanno uniti alla parola e seguiti da uno spazio (nella parola che segue si pone la minuscola se il discorso continua, la maiuscola se inizia un discorso diverso)
  2. se anteposti indicano una parte mancante
  3. fra parentesi tonde o quadre segnalanoun passo omesso

“ ” virgolette alte

aperte e chiuse; possono indicare:

  1. un discorso diretto
  2. il riporto di un passo
  3. il titolo di un opera o di un giornale
  4. un significato particolare che si vuol dare alla parola o all'inciso

« » virgolette basse

(caporali) aperte e chiuse; hanno la stessa funzione di quelle alte (meno usate per il punto c)

‘ ’ apici

(virgolette semplici) aperti e chiusi; servono epr sottolineare un espressione particolare; meno usati nelle funzioni degli altri due tipi di virgolette

- trattino

(trait d'union);

  1. unisce due parole aventi relazione fra loro
  2. separa due cifre
  3. prima o dopo la parola si usa per indicare desinenza o radice
  4. divide la sillabe degli a capo

– lineetta corta

  1. apre un discorso diretto
  2. divide un inciso all'interno di un periodo
  3. può separare una parte conclusiva dalla frase

— lineetta lunga

ha la stessa funzione di quella corta ma è oggi meno usata.

( ) parentesi tonde

aperta e chiusa;

  1. in un periodo, inserimento di un sintagma, frase o indicazione che può avere un proprio costrutto
  2. riporto di un dato, come data, numero di pagina, ecc.
  3. solo chiusa per elencare, con lettere o numeri

[ ] parentesi quadre

aperta e chiusa; riportano un commento fuori testo o la ricostruzione di una parte mancante. Più raramente vengono usate le parentesi uncinate < >

* asterisco

solo o ripetuto indica:

  1. l'omissione di un nome che non si vuole citare
  2. più raramente una nota di rimando, in sequenza progressiva se nella pagina le note sono più di una
  3. anteposto a parola in ling. segnala un errore grammaticale
  4. a centro rigo in interlinea vuota, divide un capitolo o parte

/ sbarra

o sbarretta;

  1. se unita a due parole consente un'alternativa
  2. se staccata separa i versi quando una poesia viene riportata di séguito (doppia la caso separi due strofe)
  3. volta a sinistra \ per separare in caso di dialefe, ma è meglio il cuneo

| sbarra diritta

preferibile a quella obliqua, punto b.

§ paragrafo

ìndica la divisione in capitoli di un testo, spec. a carattere normativo.

´ apostrofo

si usa:

  1. per elidere spec. articoli e preposizioni davanti a parole che iniziano per vocale
  2. per apocope
  3. davanti a parola per aferesi
  4. pre segnalare una crasi

^ accento circonflesso

  1. vedi alla voce
  2. cfr. hyphen, che è più ampio (^)

= uguale

d'uso manoscritto, per dividere una parola fine riga


Modificato: sabato 12 aprile 2014 16.56  



Metrica Italiana © 2012-2022 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT 02493400283
privacy - contatti